Porta di Mezzo

E’ localizzata al termine del viale delimitato dalle Scuderie e dal Casino dei Principi e costituiva originariamente, l’unico accesso al Bosco. Al centro della maestosa porta, un tempo arricchita da stemmi ed effigi dei Borbone e anche da “giarroni” e mezzi busti, si eleva una bella cancellata di ferro di gusto barocco messa in opera nel 1737, ultimati i lavori al muro di cinta del Bosco. Ai lati della porta sono posti due piccoli edifici che ospitavano i corpi di guardia e l’abitazione del “Custode”, addetto al controllo di tutto ciò che entrava ed usciva dal “Real Bosco”. Quest’ingresso introduce, attraverso un ampio emiciclo, in quella parte del parco che ha conservato il tracciato settecentesco, ispirato, seppure con le dovute riserve, a modelli di giardino alla francese. Tale impianto fu probabilmente delineato nel 1735-1736 dall’architetto romano Antonio Canevari e fu ultimato da Ferdinando Fuga verso il 1760-1770.